Pubblicata dall’ESMA la relazione finale sulle norme tecniche del Crowdfunding

Crowdfunding

In data 10 novembre 2021, l’Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati (ESMA) ha pubblicato la relazione finale sulle norme tecniche ai sensi del Regolamento (UE) 2020/1503 sui fornitori europei di servizi di crowdfunding (“European Crowdfunding Service Providers Regulation” o “Regolamento ECSPR”), entrato in vigore nella medesima data.

Infatti, il Regolamento ECSPR, che ha il merito di disciplinare per la prima volta a livello dell’Unione Europea i servizi di equity e di lending crowdfunding oltre ad introdurre un unico insieme di requisiti applicabili ai fornitori di servizi di crowdfunding (Crowdfunding Service Provider – CSP) a livello europeo, conferisce all’ESMA il potere di elaborare norme tecniche al fine di promuovere l’applicazione coerente del predetto Regolamento ECSPR (si veda, inter alia, il considerando 70).

L’ESMA, a mezzo della relazione finale, ha sviluppato e predisposto 12 standard tecnici, di cui 8 standard tecnici di regolamentazione (RTS) e 4 standard tecnici di attuazione (ITS), che riguardano tutti gli aspetti della protezione degli investitori nell’ambito del Regolamento ECSPR.

In particolare, le indicazioni tecniche che vengono fornite sia alle Autorità competenti che alle parti interessate riguardano i seguenti ambiti: i) gestione dei reclami; ii) conflitti di interesse; iii) piano di continuità aziendale; iv) richiesta di autorizzazione; v) informazioni al cliente sul tasso di default dei progetti di crowdfunding; vi) test di ingresso di verifica delle conoscenze e simulazione delle capacità di sostenere perdite; vii) scheda contenente le informazioni chiave sull’investimento; viii) comunicazione di informazioni da parte dei fornitori di servizi di crowdfunding alle autorità competenti; ix) obblighi di segnalazione; x) pubblicazione delle disposizioni nazionali relative alle prescrizioni concernenti marketing; xi) cooperazione tra autorità competenti; xii) cooperazioni tra autorità competenti e l’ESMA.

Le bozze delle norme tecniche presenti nella relazione finale sono state presentate, sempre in data 10 novembre 2021, alla Commissione Europea, la quale ha avviato il processo di approvazione che dovrà concludersi entro tre mesi.

In attesa che si concluda il processo di approvazione delle norme tecniche, l’ESMA attraverso la pubblicazione di Q&A, assisterà ulteriormente le Autorità competenti e le parti interessate nei primi mesi di applicazione del Regolamento ECSPR, promuovendo l’applicazione convergente delle disposizioni ivi contenute.

GIM Legal ha partecipato alla Consultazione ESMA sul Regolamento UE Crowdfunding

Focus sui Technical Standards dell’European Crowdfunding Service Providers Regulation (ECSPR)

 

GIM Legal, società di Avvocati di affari e Dottori Commercialisti specializzata nel settore della consulenza legale e regolamentare, ha partecipato e contribuito alla consultazione pubblica e internazionale indetta dall’Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati (ESMA) in tema di draft technical standards in relazione al regolamento Crowdfunding come previsto dall’European Crowdfunding Service Providers Regulation (ECSPR).

I Technical Standards saranno poi presentati dall’ESMA alla Commissione Europea (EC) per l’adozione prima del 10 novembre 2021.

Per rispondere ai quesiti ESMA, GIM Legal ha predisposto un team multidisciplinare composto da: l’avv. Marco Corica, founding partner e responsabile del team Venture Capital, l’avv. Giulia Aranguena, partner e responsabile del team Fintech, l’Of Counsel Giovanni Sanna e le legal trainee Annalaura Pisu e Virginia Nigro.

“Nell’ultimo biennio il Crowdfunding, come testimoniano numerosi studi e report, ha attirato l’interesse di startup, pmi e aziende di tutte le dimensioni in cerca di liquidità e fonti alternative di finanziamento ai canali tradizionali come le banche, e quello degli investitori professionali – e non solo – che intendono utilizzare nuove modalità di investimento basate su sistemi tecnologici ed innovativi” afferma l’avv. Marco Corica, founding partner di GIM Legal.

“Partecipando al processo di definizione degli standard tecnici del Regolamento Europeo Crowdfunding – continua l’avv. Corica, responsabile del team Venture Capital – crediamo di aver offerto un importante contributo legale e regolamentare che aiuterà l’ESMA nella migliore definizione di norme e clausole che garantiranno degli standard di legalità e qualità dei servizi ancora più alti, aumentando il grado di sicurezza ed i presidi per una adeguata compliance a tutela sia degli investitori che dei gestori.”.

“Transazioni, scambi e compravendite in modalità mobile e virtuale crescono ad un ritmo mai visto, oltre il 20% l’anno – afferma l’avv. Giulia Aranguena, partner responsabile del dipartimento Fintech di GIM Legal – e la rivoluzione tecnologica in corso sta aprendo la strada a nuove modalità di investimento, come il Crowdfunding; iniziative come questa Consultazione ESMA sono una grande opportunità per proporre, da esperti della materia, delle soluzioni che garantiscano maggiore legalità, trasparenza e sostenibilità, sia per chi offre il servizio, sia per chi ne usufruisce”.

Per maggiori informazioni, è possibile consultare il sito dell’ESMA al seguente link: https://www.esma.europa.eu/press-news/consultations/consultation-draft-technical-standards-under-ecsp-regulation

 

<blockquote class=”twitter-tweet”><p lang=”en” dir=”ltr”><a href=”https://twitter.com/ESMAComms?ref_src=twsrc%5Etfw”>@ESMAComms</a> has recently published the responses to the consultation on the draft techniques of the European <a href=”https://twitter.com/hashtag/Crowdfunding?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw”>#Crowdfunding</a> Regulation. We took part in it thanks to our <a href=”https://twitter.com/hashtag/Fintech?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw”>#Fintech</a> &amp; <a href=”https://twitter.com/hashtag/BlockFin?src=hash&amp;ref_src=twsrc%5Etfw”>#BlockFin</a> team <a href=”https://twitter.com/maiameraime?ref_src=twsrc%5Etfw”>@maiameraime</a> <a href=”https://t.co/gDwV2ZHiXq”>https://t.co/gDwV2ZHiXq</a></p>&mdash; GIMLegal (@GIM_Legal) <a href=”https://twitter.com/GIM_Legal/status/1403339732013170689?ref_src=twsrc%5Etfw”>June 11, 2021</a></blockquote> <script async src=”https://platform.twitter.com/widgets.js” charset=”utf-8″></script>

GIM Legal con Migliora per l’autorizzazione del portale crowdfunding 2MEET2BIZ.COM

Roma, 1 febbraio 2021 – GIM Legal, studio legale specializzato nella materia dei financial services, ha prestato assistenza e consulenza legale e regolamentare alla società Migliora S.r.l., fondata da Serena Auletta e Mario Basilico, nell’ottenimento dell’autorizzazione alla pubblicazione sul proprio portale crowdfunding 2meet2biz sia di offerte aventi ad oggetto capitale di rischio, sia di offerte aventi ad oggetto titoli di debito e obbligazioni.

GIM Legal ha assistito la società nella presentazione alla Consob della domanda di autorizzazione all’iscrizione nella sezione ordinaria del registro dei gestori di portali on-line, ai sensi del Regolamento sulla raccolta di capitali tramite portali on-line adottato con delibera n.18592 del 26 giugno 2013 e s.m.i..

L’assistenza ha riguardato sia degli aspetti di natura regolamentare di cui alla normativa Consob, sia delle recentissime disposizioni europee in materia di crowdfunding, di cui al Regolamento UE 2020/1503 del 7 ottobre 2020.

Il team è stato guidato dal Managing Partner Luigi Rizzi, coadiuvato dal junior associate Emanuele D’Auria.

Crowdfunding: 4 esperti raccontano le opportunità per le Startup e le Pmi

Giovedì 30 gennaio la sede di Sella Lab Salerno (Corso Giuseppe Garibaldi, 203, a partire dalle ore 16:45) sarà la location che ospiterà l’evento “Crowdfunding: opportunità di investimento e finanziamento con gli strumenti di finanza alternativa”, un appuntamento rivolto ad aziende, investitori, promotori finanziari e consulenti, che desiderano scoprire le innumerevoli possibilità del crowdfunding.

“Il crowdfunding ha rivoluzionato la vita delle startup e delle società immobiliari. Grazie a questo strumento, aziende tipicamente illiquide si trasformano in vere e proprie asset class, diventando sempre più appetibili per gli investitori che possono mettersi in contatto con imprese innovative con pochi click sul web”, spiega Francesco Chechile, Ceo di House4Crowd, una delle piattaforme più conosciute di crowdfunding immobiliare, tra gli ospiti della giornata.

Evoluzioni normative e opportunità

Chechile racconterà la sua esperienza, spiegando come la piattaforma è cresciuta in questi mesi, con la prima operazione, “Milano Sforza”, conclusa con successo e la prossima campagna in arrivo. L’agenda della serata prevede poi la partecipazione di Giancarlo Giudici del Politecnico di Milano, con un intervento sul “crowdinvesting in Italia”.

A seguire, ci saranno gli speech di Marco Corica e Anna Maria Schirru, entrambi partner di GIM Legal STA, società di consulenza legale che, grazie alle competenze dei suoi professionisti, fornisce un prezioso supporto alle aziende agevolandone l’utilizzo dello strumento del crowdfunding. Corica, nel suo intervento dal titolo “Raccolta online di capitali: le evoluzioni normative del Regolamento Crowdfunding”, spiegherà come districarsi al meglio tra gli aspetti normativi dello strumento, mentre Schirru in “Crowdfunding immobiliare: nuove opportunità di investimento”, si soffermerà su come le aziende possono sfruttare al meglio il canale di finanza alternativa.

“Questo convegno – afferma l’avv. Marco Corica, partner di GIM Legal – sarà un’importante occasione per affrontare le tematiche che riguardano il crowdfunding immobiliare, ripercorrendo le tappe normative e regolamentari che hanno dato luogo alla nascita di questo strumento di finanza alternativa, fino all’ultima modifica apportata dal Regolamento Consob sulla raccolta di capitali tramite portali on-line”.

“Il crowdfunding immobiliare – afferma l’avv. Anna Maria Schirru, partner di GIM Legal – sta riscuotendo un interesse in continua crescita da parte del mercato che, in un solo anno, ha registrato un significativo sviluppo delle operazioni concluse, nonché della raccolta che è quasi triplicata. È innegabile quindi che sta contribuendo significativamente al rilancio del real estate nel mercato italiano, grazie alla capacità di generare opportunità per le aziende e attrarre gli investitori, i promotori e i consulenti. Del pari, è possibile rilevare anche un rilancio del crowdfunding, poiché il business immobiliare ben si presta a consentire il superamento di alcune delle criticità che caratterizzano il crowdfunding”.

L’evento è gratuito. Per maggiori informazioni scrivere a press@pandant.it o visitare la pagina Eventbrite dedicata all’appuntamento: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-real-estate-crowdfunding-90277361017

Segue l’agenda della serata e la bio dei relatori.

ore 16:45 | Inizio registrazioni

ore 17:00 | Intervento introduttivo Sellalab – G. Covone

ore 17:15 | Inizio degli interventi

ore 18:30 | Conclusione dell’evento e momento di networking

Giancarlo Giudici –  Politecnico di Milano.

“Il crowdinvesting in Italia”

Professore associato al Politecnico di Milano dove dal 2002 insegna Corporate Finance nella laurea magistrale in Management Engineering e al Master MIP e dove svolge attività di ricerca e di trasferimento tecnologico, con diverse pubblicazioni nazionali e internazionali alle spalle. E’ Membro del gruppo di ricerca ‘Entrepreneurship & Finance’ attivo presso la School of Management del Politecnico di Milano nella promozione degli osservatori di Crowd-Investing. dedicato al fenomeno dell’investimento nelle imprese attraverso il crowdfunding e di Mini-Bond, dedicato ai titoli di debito emessi dalle piccole e medie imprese per finanziarsi.

Marco Corica – Partner GIM Legal STA

“Raccolta on-line di capitali: le evoluzioni normative del Regolamento Crowdfunding”

Professionista specializzato nella regolamentazione degli emittenti e degli intermediari finanziari svolge attività di consulenza legale nel settore del corporate finance prestando assistenza in operazioni di quotazione in borsa, operazioni di venture capital e di crowdfunding.

Anna Maria Schirru – Partner GIM Legal STA

“Crowdfunding immobiliare: nuove opportunità di investimento”

Avvocato esperto nel settore del Real Estate, presta assistenza nelle operazioni di investimento e disinvestimento di immobili/portafogli immobiliari, nonché nella gestione degli stessi (mediante predisposizione della relativa documentazione contrattuale e partecipazione alle relative negoziazioni) in favore di SGR/FIA immobiliari e relativi outsourcers, investitori italiani e esteri e casse di previdenza.

Francesco Chechile – Ceo House4crowd.it

“Case study: house4crowd.it”

Ingegnere Civile e MBA presso la IE business school di Madrid, è un costruttore e co-founder di diverse aziende Proptech. Forte sostenitore della digitalizzazione del mercato immobiliare includendo il fintech e i Big Data all’interno dei processi della catena di valore.